Le sette sataniche sono un gruppo di persone che si dedicano all’adorazione del diavolo, comunemente chiamato Satana, e di nascosto, praticano rituali esoterici.
Durante i loro riti spirituali, compiono dei sacrifici e credono che, in cambio, Satana dia loro dei poteri magici.
Quello delle Sette Sataniche è un fenomeno che si svolge soprattutto nelle grandi città; basti pensare che Torino ne detiene il primato.
I loro innumerevoli riti riguardano sacrifici perlopiù di animali, ma nel peggiore dei casi possono arrivare anche a commettere degli omicidi.
Altri riti utilizzati dalle sette sataniche sono, ad esempio, il bere sangue, il sesso di gruppo e il vandalismo contro la Chiesa: vanno cioè, in chiese abbandonate e una volta entrati, distruggono qualsiasi oggetto che gli capiti a tiro.
Non è facile incontrare componenti appartenenti alle sette sataniche, in quanto essi prediligono agire nell’oscurità per poi attaccare il proprio nemico, silenziosamente e con un unico colpo.
Le sette sataniche preferiscono colpire soprattutto gli adulti, preferibilmente gli uomini o le donne più avvenenti in maniera tale a offrirle in sacrificio a Satana. Altre volte invece decidono di colpire i ragazzi, bambini o adolescenti che vivono per strada, non avendo una famiglia e quindi, essi hanno la certezza di non essere rintracciati in seguito dalla polizia.
Insomma, non bisogna sottovalutare le sette sataniche. Difatti, entrare in una di esse è semplicissimo; il vero problema è uscirne, poiché chi vuole cambiare vita e decide di non far più parte di quella determinata setta, riceve, la maggior parte delle volte minacce di morte o, nel migliore dei casi, un pestaggio.

0
1 Comment
  1. ricanews 5 anni ago

    Articolo scritto in modo corretto e scorrevole. Hai approfondito abbastanza bene l’argomento. Anch’io ritengo sia un fenomeno da non sottovalutare perch

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2020 osservatorionline.it

Effettua il login

o    

Hai dimenticato i tuoi dati?

Crea Account