Da quando sono iniziati i progressi tecnologici, tutto è cambiato e ci sono state innovazioni nel mondo del web che in passato neanche si sarebbero potute immaginare. Infatti di questi tempi non ci sorprendiamo più a vedere video su youtube, perché in realtà le vere innovazioni sono gli youtuber.
Molte persone, soprattutto gli adulti, non hanno mai sentito questa parola, ma tra i ragazzi è molto frequente, su youtube si possono vedere video di vari generi, musicali, di film, di serie televisive e anche i loro. Infatti questi youtuber pubblicano dei video in cui parlano di qualsiasi argomento; ad esempio possono fare dei video in cui raccontano delle proprie esperienze, oppure commentano un libro, una serie televisiva oppure anche dei videogiochi o addirittura filmano dei momenti della propria vita che decidono poi di condividere sul web.
Sembra strano da capire ma per alcuni è diventato un vero lavoro tanto che molti ricevono un grosso compenso in base al numero di visualizzazioni che ricevono i propri video. Sembra una realtà molto lontana per la maggior parte delle persona ma, anche se si tratta di una forma di intrattenimento è sempre molto piacevole e a volte fa anche compagnia vedere tramite uno schermo un ragazzo o una ragazza come noi che parla di argomenti quotidiani che interessano tutti soprattutto le generazioni più giovani.
Nonostante parlare di fronte ad uno schermo sembri una cosa molto semplice, non lo è poiché mettersi in gioco e parlare per una decina di minuti senza annoiare colui che guarda il video è un’ardua impresa e infatti molte volte questo “dono” o si possiede oppure no e chi inizia questa forma di intrattenimento sa bene di possederlo.
Ovviamente è come una dote che va coltivata, ma loro stessi ci insegnano che nonostante tutto sono ragazzi normalissimi che hanno una vita proprio uguale a quella di un ragazzo di 16 o di 17 anni, infatti molte volte non sono neanche maggiorenni e per questo nonostante questa piccola forma di “svago” che condividono con altri, vanno a scuola e vivono una vita tranquilla.
Perciò non bisogna pensare che loro siano ragazzi senza voglia di studiare o senza un’aspirazione nella propria vita solo perché hanno voluto intraprendere questa strada come forma divertimento, ma anzi sono ragazzi come gli altri che molte volte fanno trascorrere 5 o 10 minuti sereni strappando pure una risata a tutti coloro che li seguono.

0
0 Commenti

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2020 osservatorionline.it

Effettua il login

o    

Hai dimenticato i tuoi dati?

Crea Account