In un Paese come l’Italia, che per secoli è stata la culla di una delle religioni più importanti del nostro tempo, si sta sviluppando uno dei problemi più gravi per una religione, ovvero la costante formazione di sette sataniche. I casi registrati sono in aumento e questo non è un fattore positivo, non solo da un punto di vista religioso, ma anche perché verrebbero a crearsi numerosi squilibri sociali.
Queste sette, oltre che apparenti promotrici di “religioni” alternative, costituiscono un problema anche fisico per le persone, poiché nei riti che esse praticano, spesso le persone sono vittime di violenze, abusi e a, volte, anche di operazioni chirurgiche realizzate per vendere organi illecitamente.
Gli affiliati di queste sette a volte sono persone apparentemente normali, ma in alcuni casi sono letteralmente vittime di un lavaggio del cervello: non sono pochi i casi in cui le persone appartenenti hanno il vago ricordo di aver sentito parlare di strane operazioni o di aver bevuto cocktail particolari. Queste bevande, contenendo potenti droghe allucinogene e psichiche, provocano danni celebrali in alcuni casi permanenti o creano uno stato di trance nel cervello attraverso la quale si può “manipolare” la persona.
Credo che non bisogni sottovalutare affatto questo fenomeno, poiché rappresenta un serio problema per la religione; ma, in particolar modo, per la nostra società, fondata sin dal Medioevo sui principi della cristianità.

0
0 Commenti

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2020 osservatorionline.it

Effettua il login

o    

Hai dimenticato i tuoi dati?

Crea Account