L’Italia è in testa alla classifica italiana dei tesori del patrimonio Unesco, sul nostro territorio abbiamo circa 53 località riconusciute come patrimonio dell’umanità.
Si tratta di un tesoro immenso che secondo qualcuno noi italiani non siamo in grado di sfruttarle.
Un malinteso senso dello sviluppo ha portato da tempo gli italiani ad adottare modelli a noi profondamente estranei, convinti come eravamo che fosse giusto e moderno cancellare tutto ciò che poteva essere considerato “vecchio”, per un “nuovo” culturalmente distante.
Di conseguenza in Italia, come nel mondo, abbiamo iniziato disinvoltamente a nutrirci nei Fast Food. Ma com’è stato possibile per noi italiani?
Il nostro è un popolo con una straordinariamente ricca cultura alimentare, tramandata da generazioni e generazioni. L’Italia è conosciuta anche per la Dieta Mediterranea riconosciuta recentemente come patrimonio dell’umanità dall’Unesco, un immenso serbatoio di biodiversità vegetale e animale.
Siamo gli inventori della pizza e del più variegato sistema di alimentazione veloce rappresentato dalla cucina di strada, ma continiamo ad alimentarci e ad utilizzare prodotti provenienti dall’estero.
Credo che i primi a essersene meravigliati siano stati proprio gli ideologi del Fast Food, e aver colto questa occasione nel loro business.

0
0 Commenti

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2019 osservatorionline.it

Effettua il login

o    

Hai dimenticato i tuoi dati?

Crea Account