L’Italia è uno dei Paesi che possiede il patrimonio artistico e culturale più importante del mondo, sia dal punto di vista della quantità che della qualità. Purtroppo però tale patrimonio non viene valorizzato come dovrebbe, soprattutto da noi stessi italiani. Essendo un dato di fatto che la domanda di turismo culturale è in aumento in tutto il mondo, il nostro patrimonio meriterebbe una maggior stima da parte di noi italiani perché i primi a stimarlo, ad amarlo e a valorizzarlo dobbiamo essere proprio noi cittadini che ne siamo i diretti eredi, altrimenti non possiamo pretendere che venga valorizzato dal resto del mondo.
Le motivazioni possono essere di natura economica, organizzativa, finanziaria, professionale ma si pensa che queste siano legate ad un’unica causa: il nostro patrimonio è talmente grande da essere sottovalutato da chi si occupa delle questioni pubbliche. In molti Paesi europei, però, c’è una forte conoscenza e diffusione delle proprie opere artistiche e culturali, sebbene siano poche e non molto attrattive. In Italia, invece, è il contrario poiché le opere sono tante ma le conoscenze sono poche.
In molti definiscono gli italiani dei veri e propri “cialtroni” , personalmente non ne sono totalmente d’accordo. Secondo me questo non è il termine adatto per definire gli italiani, di cui fanno parte comunque delle persone con conoscenze molto basse e una cultura poco arricchita. La soluziona a parer mio sarebbe quella di iniziare a far apprezzare il patrimonio italiano sopratutto ai giovani frequentanti le varie scuole, poiché sono essi a rappresentare il futuro dell’umanità.

0
0 Commenti

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2019 osservatorionline.it

Effettua il login

o    

Hai dimenticato i tuoi dati?

Crea Account