Il 2018 è stato un anno pieno di tensioni per l’Italia. I rapporti fra il nuovo Governo e la Comunità Europea sono stati tutt’altro che facili, sia dal punto di vista economico sia da quello politico. Fra tutte queste discussioni, ce n’è una che è l’emblema del 2018: il problema dell’immigrazione. A proposito di questo dibattito, l’immagine di Aquarius, la nave ONG a cui il Ministro dell’Interno Matteo Salvini ha negato il permesso di attracco, è sicuramente la più significativa. Mai come quest’anno si è sentito discutere di migranti in ambito europeo e di come questo non sia un “problema” esclusivamente italiano solamente perché i nostri porti sono i più vicini alle coste africane. Il nuovo Governo ha infatti insistito nel far aprire gli altri porti europei alle organizzazioni non governative, sollevando ovviamente molte polemiche sia da parte dei politici degli altri stati, che si rifiutavano di accogliere i barconi, sia da parte dei cittadini italiani, che esortavano Salvini affinché facesse approdare la nave Aquarius per porre fine alle sofferenze che i migranti dovevano sopportare. Fortunatamente per quelle persone, i capi di stato sono riusciti a trovare un accordo per distribuire i migranti nel territorio europeo, senza evitare però che questa vicenda desse vita ad un’immagine negativa dell’Unione Europea, che ad oggi sembra tutt’altro che unita.

0
0 Commenti

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2019 osservatorionline.it

Effettua il login

o    

Hai dimenticato i tuoi dati?

Crea Account