Il Sud è stato considerato per lungo tempo il ventre molle dell’Italia. In principio a causa della forte povertà presente nel Mezzogiorno: proprio da lì infatti partirono i primi immigrati italiani, che si spostarono inizialmente più a nord e che poi partirono per l’America. Successivamente per le associazioni mafiose che controllavano un tempo alcuni di quei territori e che hanno messo in cattiva luce tutto il meridione. Nonostante le avversità, le cittadine meridionali si sono sempre dimostrate ben disposte al miglioramento della loro pessima fama. Intenzione che si è andata a rafforzare con l’inizio del XXI secolo. Infatti negli ultimi tempi ricorre molto spesso tra le pagine dei giornali un gran numero di notizie riguardanti scoperte di carattere scientifico in seguito a studi avvenuti nel Mezzogiorno o esempi quali quello presentato dalla giornalista Marcella Cocchi riguardante la città di Matera, che quest’anno viene eletta città europea della cultura.

Nonostante i problemi riscontrati in passato, si riscontra nel Sud Italia la volontà di prendersi in un futuro molto prossimo la rivincita.

0
0 Commenti

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2020 osservatorionline.it

Effettua il login

o    

Hai dimenticato i tuoi dati?

Crea Account