Nel corso degli anni Napoli, Pompei e molte altre città del sud Italia sono emerse dimostrando qualità in ambiti come quello culturale, gastronomico e territoriale.

Il termine meridionale risulta, da qualche decennio, quasi come dispregiativo e in pochi sono coscienti del fatto che nelle vie di quelle città, negli occhi e nel cuore degli abitanti e nella cadenza linguistica non ci sono solo mafia, fallimenti, vandalismo.

Come sosteneva Eraclito: ciò che vediamo è solo una metà, perciò dovremmo riuscire tutti ad essere quelli che il filosofo considerava svegli e riuscire a scorgere l’armonia, e quindi l’unità, la bellezza soggiacente delle cose.

Matera è un recente esempio che il sud della penisola è colmo di paesaggi unici, di un’atmosfera che solo passo dopo passo in quei luoghi si percepisce e di un vastissimo patrimonio culturale.

Matera è una città tra le più antiche del mondo il cui territorio custodisce testimonianze di insediamenti umani a partire dal paleolitico e senza interruzioni fino ai nostri giorni, rappresenta una pagina straordinaria scritta dall’uomo attraverso i millenni di questa lunghissima storia.

Il 17 ottobre 2014 la città dei Sassi è stata designata Capitale Europea della Cultura per il 2019 e penso che questo sia una valida occasione per le regioni meridionali di mettere in risalto tutto ciò che di raro possiede.

L’obbiettivo dovrebbe consistere nel veder sorgere un futuro nuovo e generoso, servono infusioni di coraggio e di rispetto profondo per le loro origini nei giovani del Sud, bisogna invitarli a restare, o a tornare nelle loro terre natie.

La cultura si conferma il motore del turismo italiano e su questo può puntare il sud a patto che sappia sviluppare enormi potenzialità, sfoggiando inoltre musei, chiese, paesaggi naturali e cibo.

Intanto per ristabilire con il cuore il nostro senso di unità nazionale, pensiamo alla nostra bandiera che alterna i colori verde, bianco e rosso nel senso dell’altezza per così comprendere meglio ogni regione come abbracciata dal nostro drappo nazionale.

0
0 Commenti

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2020 osservatorionline.it

Effettua il login

o    

Hai dimenticato i tuoi dati?

Crea Account