Lo sapevate che, se non ci fosse il Sud, l’Italia non avrebbe aerei e auto, acciaio e olio d’oliva, computer e cellulari, benzina e medicine? Lo sapevate che il Sud considerato improduttivo produce almeno 71 inaspettati tesori?

Nonostante abbia numerosi problemi, nasconde preziosi valori.

Al fine di ridare un nuovo valore al Mezzogiorno è assolutamente necessario cancellare dagli scenari del Sud il suo triste mondo ed il suo diffuso atteggiamento di “Sud piagnone”, dal fare disumanamente sottomesso, affidandosi da “sudditi” agli altri per la soluzione dei propri, tanti storici problemi.

Se i meridionali non trovano speranza iniziano a basare la loro vita su un futuro negato, dove non c’è speranza di un futuro possibile, baciato dal successo; così si è destinati a fallire in tutto e per tutto senza appello e senza speranza di avere successo, finendo per abbandonare la loro terra.

Il Sud è una grande Terra del futuro umanamente e socialmente possibile. Grazie all’umanità dell’essere e delle sue profonde radici di umanità e di sapere, è la Terra del “nuovo italiano”; è la Terra della possibile rinascita italiana, innervata sulle sagge radici del passato, dei suoi intramontabili valori che possono salvare l’Italia ed il mondo da una gravissima catastrofe umanitaria.

È dal Sud che nasce la forza dell’essere parmenideo, grazie al quale esso si può salvare e il loro modo di vivere sempre più disumano, fatto del solo avere-apparire, dagli orizzonti sempre più lontani, dagli orizzonti tristi, con le radici del futuro sempre più cancellate. È grazie alla cultura di cui esso è portatore che riuscirà a ritrovare la sua speranza e il suo futuro.

La realtà del Sud è sicuramente dolorosa, ma per fortuna non è fatta solo di criminalità mafiosa, lavoro nero e disoccupazione: accanto a queste piaghe su cui insiste unicamente un sistema d’informazione pigro e interessato, nel Sud è dato rinvenire consuetudini, modi di sentire e valori in cui rivive la grande tradizione culturale del Mediterraneo. Una tradizione che parte da Parmenide e giunge fino a Matera, capitale della cultura europea.

Lo sviluppo del Sud è possibile, grazie agli eccezionali comparti di grande potenzialità della moda e del turismo, un settore meridionale quest’ultimo, con grandi margini di crescita. Tanto cambiando umanamente il Sud; tanto, restituendolo all’uomo del mondo come Terra dell’essere che si vuole sempre più aprire ad un mondo nuovo, garantendosi, tra l’altro, il futuro possibile, con un nuovo modello di vita e con un fare umano fortemente sinergico tra il pubblico ed il privato.

0
0 Commenti

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2020 osservatorionline.it

Effettua il login

o    

Hai dimenticato i tuoi dati?

Crea Account