La nuova Maturità non è più un mistero. Sono arrivati comunicati, testi di esempio per l’esame, sono stati scritti manuali, istituiti corsi di aggiornamento. Certo, sulle tempistiche si poteva sicuramente fare di meglio, in modo da evitare ai poveri candidati che sosterranno l’Esame di Stato nel 2019 di trovarsi pochi mesi prima senza ancora sapere che cosa dovranno affrontare. La riforma è stata criticata in ogni maniera: tutti più o meno d’accordo con il fatto che cambiare le carte in tavola a studenti e insegnanti, che già erano pronti per un esame del vecchio formato, non sia stata una grande idea. Più consenso, però, hanno trovato i nuovi contenuti sui quali si concentrerà la Maturità a partire da quest’anno; primo tra tutti l’attualità e la maggiore attenzione verso il mondo che circonda gli studenti. Studiare, andare a scuola, non significa più memorizzare concetti e scriverli in un compito in classe, non significa più trascorrere tutto il proprio tempo sui libri e isolarsi dal mondo. Ora agli studenti si richiedono conoscenze, non solo di Matematica e Filosofia, ma di politica, cronaca; di attualità, insomma. Si richiede di leggere i giornali, guardare i notiziari, e interessarsi al mondo di oggi. Perché la Letteratura e la Storia sono materie interessanti, certo, ma non applicabili in nessun modo se non ci si guarda intorno. È infatti l’inserimento dell’attualità un punto a favore del nuovo esame ma, come tutto ciò che rientra nei requisiti di uno studente, è necessario che a scuola su questo aspetto si lavori. Sono già tanti i progetti atti a trattare di argomenti di Diritto, Politica, o temi all’ordine del giorno, come immigrazione e terrorismo. Ma non tutti i docenti sono disposti a dedicare ore di lezione a queste attività. Bisogna quindi che la scuola garantisca una formazione anche in questi ambiti, così come fa con la Fisica e la Chimica (fondamentali, ovviamente, l’impegno e la dedizione degli studenti). Forse l’insegnamento del Diritto in tutte le scuole superiori? O magari un corso in cui si commentano gli avvenimenti della settimana.

0
0 Commenti

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2020 osservatorionline.it

Effettua il login

o    

Hai dimenticato i tuoi dati?

Crea Account