I movimenti green potrebbero funzionare meglio se la mentalità degli Italiani cambiasse: così come la ragazza di sedici anni, anche noi dovremmo iniziare a sensibilizzare sempre di più i piccoli, così che crescano consapevoli dei loro doveri verso il pianeta.

Come nel corpo umano viene la febbre per combattere i batteri, anche sulla Terra il surriscaldamento globale è la causa di un malessere del nostro mondo: invece di continuare a investire sulle muove tecnologie per telefonia ed economia, bisognerebbe iniziare a studiare per trovare un’alternativa alla benzina, o plastica biodegradabile accessibile a tutti. Ammiro molto i sostenitori dei movimenti green, stanno cercando di farci aprire gli occhi perché abbiamo davanti i primi segni della fine del nostro pianeta, e nessuno ha il coraggio di reagire.

Piatti di carta, spazzolini in legno, detersivi biologici, per quanto siano ancora preferibili se smettessimo di usare cotton fioc, cannucce, piatti e bicchieri di plastica miglioreremmo lo stato ambientale.

Se c’è una cosa che l’uomo è sempre stato bravo a fare è riadattarsi per sopravvivere a cambiamenti anche estremi.

0
0 Commenti

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2020 osservatorionline.it

Effettua il login

o    

Hai dimenticato i tuoi dati?

Crea Account