Susanna Tamaro è una nota scrittrice italiana che recentemente ha ammesso di soffrire della sindrome di Asperger, disturbo imparentato con l’autismo che, al contrario di quest’ultimo, non comporta un ritardo cognitivo ma ostacola l’interazione sociale portando ad atteggiamenti ripetitivi e stereotipati. Un’infanzia difficile fu quella della scrittrice che ha raccontato recentemente che i primi segni di “pazzia” si intravedevano sin dall’asilo quando, chiusa in un mondo proprio, non parlava né dormiva; a forti crisi di rabbia seguivano lunghi periodi di impassibilità. Intorno ai quarant’anni i disturbi si aggravarono: numerosi furono i neurologhi che la Tamaro visitò e altrettante furono le affermazioni che non rispondevano, però, alle sue domande. Cosa la distinguesse dalle altre persone fu un pensiero nel quale si crogiolò per anni; inspiegabile era agli occhi di tutti la sua personalità: costante paura degli imprevisti e dei volti la caratterizzano, così come i momenti di pazzia provocati da determinati rumori. Le numerose domande della scrittrice trovarono risposta nella psicologia: ella è affetta da sindrome di Asperger. La forza del suo carattere, ha affermato la scrittrice in un’intervista, la porta ad affrontare a testa alta piccole sfide apparentemente insignificanti: prendere un treno o un aereo pieno di gente, incontrare professionalmente persone nuove… il risultato, tuttavia, è quello di una perenne scia di sfinimento che si estende alle sue spalle. La sua vera salvezza, che la innalza da << una stanchezza quasi mortale >>, risiede nella quotidianità, nell’immutabilità e nella chiarezza delle cose: si è creata un proprio mondo di stabilità con le persone che la accettano davvero e la amano per quel che è; un rifugio che la protegge dal male che lei, cosi come tutte le persone affette dalla sua stessa sindrome, non riesce ad intravedere nelle persone con le quali si relaziona e che la rendono spesso vittima di beffarde trappole.

0
0 Commenti

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2019 osservatorionline.it

Effettua il login

o    

Hai dimenticato i tuoi dati?

Crea Account