L’incendio della cattedrale di Notre-Dame è un evento che ha sconvolto tanto la Francia quanto il resto del mondo. Sicuramente è stato l’episodio più discusso negli ultimi giorni, sia su media quali televisione e giornali, sia su Internet e sui social. Questa diffusione a macchia d’olio della notizia ha determinato una pluralità e varietà di punti di vista da cui analizzare la questione. Credo che l’aspetto più incredibile sia stato il vedere in diretta ciò che stava succedendo a Parigi mentre si stava comodamente seduti sul divano di casa propria: vedere un patrimonio artistico e culturale dal valore enorme mentre viene logorato dalle fiamme causa negli attoniti spettatori un senso di impotenza per l’impossibilità di offrire un contributo. Non a caso, non appena l’incendio è stato domato, moltissime persone e aziende hanno deciso di offrire il proprio aiuto economico per contribuire alla ricostruzione della cattedrale, simbolo non solo della capitale francese, ma anche di un intero periodo storico-artistico. Molto probabilmente il loro gesto di generosità è stato causato proprio da quella voglia di intervenire che si è generata nelle persone di tutto il mondo mentre guardavano i video e le foto dell’accaduto. Fortunatamente gli aiuti ricevuti sono stati parecchi e si può sperare che la cattedrale venga ricostruita al più presto.

0
0 Commenti

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2019 osservatorionline.it

Effettua il login

o    

Hai dimenticato i tuoi dati?

Crea Account