Quante volte vi è capitato di aprire per caso la galleria del vostro cellulare e scoprire di avere contenute al suo interno foto che non immaginavate neanche di avere mai scattato? Talvolta sono semplici boccacce o gesti di scherno fatti mentre eravate in compagnia di amici o parenti, ma altre volte si rivelano immagini piuttosto intime e scomode. È il caso delle coppie moderne, soprattutto le più giovani, che molto e troppo spesso si ritrovano a scambiarsi foto hot e a dir poco osé. Ed è tutto molto adrenalinico ed eccitante, come se si stesse giocando a mandarsi più immagini incriminanti senza dover farsi scoprire da nessuno, ma svolgendo le proprie malefatte all’oscuro degli altri, in oscuro segreto. Ma pensate sarebbe ancora divertente, qualora queste immagini venissero messe online, alla mercé delle malelingue e dei leoni da tastiera? Non credo, ma in fede mia non posso ahimè esserne certo, che faccia piacere venire a sapere che tutti i propri amici, i professori e persino i parenti, siano in possesso di tali immagini compromettenti. Spesso queste spiacevoli disgrazie accadono poi per ripicca amorosa, a seguito di una brusca separazione finita male per almeno uno dei due partner, il quale per vendicarsi dei torti e dei tradimenti subiti, lancia su Internet le immagini che usava scambiarsi con il soggetto vittima delle foto. Ma si sa che il web è il mare più vasto del mondo e le sue acque corrono e rigettano ad altissime velocità e portata, trasportando ovunque e velocemente qualsiasi cosa vi sia capitato dentro. E proprio come un mare in tempesta, esso è inarrestabile e impossibile da frenare, e si quieta solo dopo parecchi anni. Ma anche una volta arrestata la sua corsa, il danno è fatto, e spesso è irreparabile, e alcune persone vittime di questo fenomeno chiamato “porn revenge”, non reggendo il peso morale e la vergogna in cui sono sprofondati, ricorrono ad azioni impulsive e disperate e si tolgono la vita, nel vano tentativo di preservare quel briciolo di dignità che era loro rimasto.

0
0 Commenti

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2019 osservatorionline.it

Effettua il login

o    

Hai dimenticato i tuoi dati?

Crea Account