Qualche giorno fa a Roma l’elemosiniere di Papa Francesco, il Cardinal Krajewski, si è trovato davanti ad una difficile decisione: scegliere di seguire la legge dello Stato, oppure la legge umana. 
Il cardinale ha scelto giustamente la legge umana, dal momento che ha riallacciato la corrente elettrica in un edificio occupato da bisognosi in maniera abusiva. Questo è un esempio palpabile ed evidente in cui l’umanità scavalca e prevale sul volere dello stato, poiché in caso di seria emergenza l’altruismo è la componente adatta e giusta per risolvere questo tipo di situazioni. Al contrario però, se fossimo tutti fin troppo umanitari e pronti ad aiutare il prossimo a tutti i costi, si infrangerebbero automaticamente numerose leggi, che sono arbitrarie a tutti gli effetti. Il cardinale ha sicuramente compiuto un’azione caritatevole degna di essere chiamata tale; però avrebbe dovuto prima di tutto pagare i debiti che erano assai elevati. Anziché agire in questo modo, avrebbe potuto certamente riflettere meglio sul da farsi senza comportarsi compulsivamente e, certamente, tutto questo caos mediatico non si sarebbe creato.

0
0 Commenti

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2019 osservatorionline.it

Effettua il login

o    

Hai dimenticato i tuoi dati?

Crea Account