In una carriera che dura da più di due decenni, Eminem ha lasciato un segno indelebile nel mondo dell’hip hop.

Il suo album di successo, The Slim Shady LP, ha dato il tono per gran parte della sua carriera: una controversia continua, un talento sfrenato e un successo senza precedenti.

I suoi testi erano sorprendentemente abrasivi, increspati da un senso di violenza e disfunzionalità reso ancora più inquietante da quanto diabolicamente apparentemente da cartone animato. Ha portato a un oltraggio morale ed è stato ampiamente denigrato, mentre altri hanno elogiato la sua introspezione intransigente e brillante gioco di parole. Negli anni che seguirono l’uscita dell’LP, nel bene o nel male, Eminem ha modellato l’hip hop in un modo che pochi altri hanno.

Ha dimostrato che l’hip hop potrebbe conquistare il mondo commerciale: il dominio commerciale di Eminem sulla sfera della musica pop non ha rivali nella scena hip hop. Ha venduto oltre 100 milioni di album in tutto il mondo mentre il suo concorrente rap più vicino, Kanye West, è in ritardo. In effetti, Eminem è stato il musicista più venduto degli anni 2000 in tutti i generi. Persino in questo decennio, con il suo picco artistico che è scomparso nello specchietto retrovisore, i suoi album sono stati successi commerciali: il suo ultimo LP, Kamikaze, ha raggiunto il primo posto in più paesi. Fu lui a mostrare veramente che l’hip-hop poteva conquistare il mondo non solo culturalmente, ma anche commercialmente.

Il suo flow è come niente prima: a metà degli anni ’80, Rakim ha rivoluzionato il rap. Il suo flow evitava la rigidità degli MC prima di lui e invece si snodavano tra i battiti, le sue fluide rime apparivano all’interno delle parole stesse piuttosto che alla fine delle battute. Eminem lo prese e spinse le cose oltre, rappando con una velocità maniacale e un ritmo irregolare. Le sue molteplici personalità- principalmente Slim Shady, Marshall Mathers ed Eminem – gli hanno permesso di giocare con tono e velocità, creando un inimitabile stile di consegna. Ha aperto la strada ad altri rapper per essere sperimentali e audaci con i loro flussi; Kendrick Lamar, che passa tra voci e personaggi spesso nei versi, è un esempio lampante.

 

I suoi video musicali hanno rivoluzionato la forma d’arte: quando Eminem ha fatto uscire un video, è stato un evento. In effetti, molte volte hanno corso il rischio di oscurare la musica – se le canzoni stesse non fossero così forti, lo avrebbero sicuramente fatto. I suoi video erano cinematografici, vari, indimenticabili e diversi da qualsiasi altra cosa li precedesse. C’era la cupa giustapposizione del trauma infantile e del melodramma nel video di Cleanin ‘Out My Closet; la tragedia stalkerish di Stan; l’ilarità dei fumetti di Without Me; e la pura assurdità di The Real Slim Shady. Si è ispirato a Michael Jackson in quanto ha realizzato video musicali nella propria entità e li ha consegnati nel mondo hip hop inaspettato.

Abbracciò la stranezza e la rese di successo: gran parte dell’hip hop negli anni ’90 era alimentato dalla super-mascolinità – un riflesso dell’ambiente instabile e violento da cui proveniva gran parte. Biggie e Tupac si trovavano spesso in stati d’animo introspettivi e, a volte, iniziarono a staccare la spavalderia, ma fu Eminem che brillava di una luce sobriamente brillante sull’oscurità interiore. Ha suonato senza battere ciglio, trascinando la sua infanzia traumatica, i suoi pensieri violenti e le sue dipendenze, il tutto riuscendo a segnare un singolo dopo l’altro. Dimostrò che stranezza, onestà e paura potevano essere abbracciate senza sacrificare il successo.

Dal 1992, Eminem è cresciuta fino a diventare una delle più grandi star dell’hip hop di sempre, influenzando non solo la cultura del Michigan, ma il mondo intero. Mentre la sua musica può essere messa in relazione da qualsiasi persona che ha attraversato momenti difficili in tutto il mondo. Nessun numero può spiegare l’entità dell’impatto che ha avuto sulla cultura mondiale. I temi di cui Eminem rappa non sono le solite droghe, pistole e donne di cui parlano di solito i rapper, riguardano le lotte con la sua famiglia, la situazione di vita e i problemi di droga. Parla di problemi reali a cui la maggior parte delle persone può relazionarsi e i suoi problemi sono stati riportati anche dopo che ha avuto successo, il che gli ha permesso di continuare a produrre la sua musica.

0
0 Commenti

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2021 osservatorionline.it

Effettua il login

o    

Hai dimenticato i tuoi dati?

Crea Account