Oggi su esempio di Mario Draghi, soprannominato Super Mario (per ciò che ha portato a termine durante il suo mandato da Presidente della Banca Europea), parleremo di Carla Bruni.

Come lei stessa dice durante l’intervista fatta da Mika nel Novembre 2017, una musa è qualcuno che ci ispira.

A mio parere super Carla dovrebbe essere proprio da modello ispiratore per quello che ha creato e sta continuando a fare tutt’ora.

Innanzitutto il primo dicembre 2008 è nominata ambasciatrice mondiale per la protezione di madri e bambine contro l’AIDS presso il Fondo mondiale, l’UNICEF e l’ONUSIDA.

Chiarisco che il Fondo mondiale è un’organizzazione che fornisce sostegni economici per promuovere interventi, al fine di prevenire infezioni e anche a quello di fornire cure alle persone già infette da HIV, AIDS, tubercolosi e malaria; mentre l’ONUSIDA è un programma delle Nazioni Unite per intensificare ed accelerare l’azione contro l’AIDS.

Il 23 aprile 2009 crea una fondazione con il suo nome e quello di suo marito ,l’ex premier francese Nicolas Sarkozy.

Essa ha lo scopo di promuovere l’accesso al sapere e alla conoscenza verso le famiglie più disagiate che si trovano nelle varie parti della Francia.

Infine, il 19 maggio 2010 Carla lancia la campagna internazionale “Born HIV Free”(cioè “nascere libero dell’HIV) per sensibilizzare l’opinione pubblica sulla questione della facile trasmissione del virus da madre a figlio.

Insomma, l’obiettivo principale di super Carla è stato quello di far conoscere la verità su qualcosa che ignoriamo perché pensiamo che non ci riguardi, ma in realtà è molto importante per noi e le nostre vite.

Tutte le sue iniziative e nomine l’hanno portata addirittura a ricevere minacce di morte e ad essere definita una “prostituta” da parte del quotidiano ultraconservatore “Kayhan” per la campagna che portò avanti a favore di Sakineh Ashtiani. Lei è una donna iraniana che scontò per anni una pena per omicidio volontario del marito.

Molti personaggi famosi la sostennero firmando una petizione per la sua libertà, tra cui appunto Carla Bruni.

0
0 Commenti

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2021 osservatorionline.it

Effettua il login

o    

Hai dimenticato i tuoi dati?

Crea Account