Il muro di Berlino, eretto il 13 agosto del 1961 e abbattuto il 9 novembre del 1989, non fu l’ultimo. Dicono che il passato serva come lezione e gli sbagli un incentivo per andare avanti, ma i muri ancora presenti in alcune zone del mondo ne sono la prova contraria. Il blocco costruito in Germania servì per dividere la zona est dalla zona ovest, questo perché già nel 1945, appena finita la seconda guerra mondiale, scoppiò la Guerra Fredda tra Unione Sovietica e Stati Uniti e la Germania fu il territorio di questa guerra che si sarebbe trascinata in forme più o meno aspre fino agli anni ottanta.  Già pochi mesi dopo la fine della guerra la divisione della Germania era diventata praticamente inevitabile. In fondo, la divisione accontentò un po’ tutti, a parte naturalmente i tedeschi, e creò meno problemi nella gestione della Germania vinta. La Germania era diventata oggetto della Guerra Fredda e non aveva ancora né la forza, né la reale possibilità di sottrarsi al dominio e alla concorrenza delle due superpotenze USA e URSS. Ma nel 1989 quella separazione terminò e si ristabilì pian piano una stabilità e una umanità.

Ancora oggi però, dopo 30 anni, esistono separazioni del genere. Questo per esempio tra paesi come Israele e Tunisia, dove vi è un blocco realizzato per bloccare le spedizioni kamikaze durante la seconda Intifada. La costruzione del muro è giustificata dicendo che in questo modo le morti sono diminuite, ma nessuno pensa che ci sarà comunque un contro per le persone oneste che devono andare dall’altra parte per lavorare.

La costruzione dei muri può migliorare temporaneamente la situazione, ma se non è la mentalità delle persone a cambiare, si potrebbe anche dividere il mondo in tanti piccoli distretti, ma sparirebbe tutta la libertà, la creatività, la voglia di viaggiare, di incontrare nuove persone, di visitare tanti posti nuovi e molte altre cose. L’umanità non può essere divisa secondo dei criteri. Gli ideali che tutti devono tenere presenti sono quelli di libertà, uguaglianza e fraternità.  L’uomo deve essere coscienzioso e agire non solo per il proprio bene, ma per quello di tutti. L’unica cosa che bisognerebbe isolare è l’egoismo e la mania di grandezza.  Il tempo passa ma le persone ancora non concepiscono questo. Arriverà mai il tempo in cui verranno abbattuti tuti i tipi di muri?

0
0 Commenti

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2020 osservatorionline.it

Effettua il login

o    

Hai dimenticato i tuoi dati?

Crea Account