Sin dalla nascita delle prime società, nel passato, venivano istituite delle regole, che se rispettate permettono una convivenza pacifica e tranquilla all’interno di qualsiasi contesto. Il problema nasce nel momento in cui una fascia intera della società tende a non rispettare ciò che viene imposto dalla legge e anche da istituzioni più piccole come la scuola e la famiglia. Ovviamente la fascia sociale di cui si parla è quella dei ragazzi compresi tra gli 11 e i 18 anni, i quali nel corso della loro vita, o per mancata educazione o perché nel corso della crescita si sono fatti trascinare da altri, non hanno appreso le regole che servono per la convivenza e le relazioni con gli altri.

La prima di queste regole che vengono “oltrepassate” è quella che vieta l’assunzione di alcol, e a seguire quella che vieta l’utilizzo delle sigarette e delle droghe: in Italia otto ragazzi su dieci, dagli undici ai diciotto anni, bevono alcol e moltissimi altri fumano abitualmente, oltre a praticare uso di droghe di ogni tipo. Le regole non possono essere imposte quando il ragazzo ha ormai 20 anni ed è formato in un certo modo, ma vanno insegnate nella vita di tutti i giorni dalla nascita al momento in cui si lascia la famiglia e si è pronti a relazionarsi con altre persone. Quindi il problema parte dalla famiglia non dalla società, perché in una casa in cui non si fuma, non ci si picchia, si dice “grazie” e “per favore”, ed ognuno è rispettato da tutti, è difficile che cresca qualcuno senza regole. Questi insegnamenti sono fondamentali in ogni momento, non solo in ambiti come scuola o lavoro, ma anche nei momenti più divertenti: quando si gioca una partita a pallone, se non ci fossero le regole non ci si divertirebbe, si finirebbe a discutere e a creare risse ogni 20 minuti. Ed è per questo che è importante impararle sin da piccoli.

Le regole sono alla base della nostra società, e non vanno viste come ostacoli che ti impediscono di fare ciò che vuoi, ma vanno viste come degli alleati che ti permettono di vivere con tranquillità e sicurezza.

0
0 Commenti

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2020 osservatorionline.it

Effettua il login

o    

Hai dimenticato i tuoi dati?

Crea Account