È il caso di dirlo, noi adolescenti siamo delle vere teste calde: la maggior parte di noi vive senza limiti e se ci vengono imposti non vediamo l’ora di infrangerli per sentirci grandi e liberi di vivere come vogliamo. Ma facendo così si vive davvero meglio? Una domanda che forse non tutti ci poniamo, noi che pensiamo solo al presente e non alle conseguenze che ci possono essere nel futuro se infrangiamo un divieto. E i nostri poveri genitori, sempre a ripeterci cosa dobbiamo o non dobbiamo fare, sempre a preoccuparsi per noi, sempre a sgridarci e noi che ci arrabbiamo perché vogliamo vivere con le nostre regole non capendo che lo fanno per il nostro bene, per proteggerci da noi stessi. 

Penso che tutti, dal più piccolo al più grande, abbiamo pensato almeno una volta ad un mondo senza regole, dove siamo noi a decidere cosa sia lecito o non lecito fare, ma è davvero una buona alternativa? Proviamo a pensare per un momento ad un mondo in cui ognuno ha le proprie regole, in cui regna l’anarchia; facciamo un semplice esempio: se non esistesse il codice della strada, che obbliga tutti a rispettare delle norme importantissime per la sicurezza di chi viaggia su qualsiasi veicolo a ruote, ci sarebbero continui incidenti, dal momento che ognuno guiderebbe come ritiene giusto, e non tutti riteniamo giuste le stesse cose. Un esempio sciocco che però porta a galla una grande verità: senza regole e senza convenzioni, il mondo andrebbe alla deriva.

Perciò, ragazze e ragazzi della mia età, fermiamoci un attimo a pensare: vale davvero la pena di correre rischi, più o meno grandi, semplicemente perché vogliamo giocare a fare gli adulti senza regole? Abbiamo sempre molta fretta di crescere è questo il nostro difetto. Io proporrei: godiamoci questa meravigliosa età, sì, ma sempre nei limiti che ci vengono imposti, perché una regola può davvero salvarci la vita.

Maria Chiara Lentinio

1+
avatar
0 Commenti

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2020 osservatorionline.it

Effettua il login

o    

Hai dimenticato i tuoi dati?

Crea Account