L’intraprendenza è la base della generazione odierna. I giovani vogliono esprimere le proprie idee e sentirsi liberi. Fino a quando questa libertà può essere tollerata? Non è certo un male volersi rendere protagonisti delle proprie azioni, tuttavia sta a noi decidere quando affidarsi all’uso delle regole. Regole che oggi, in qualunque ambito si parli, non vengono rispettate. Anzi, vengono rispettate solo in circostanze molto particolari. È provato dalla psicologia che i giovani non sono amanti delle regole. In molti casi però hanno bisogno di un punto di riferimento, un sostegno a cui affidarsi per poter compiere le proprie scelte.
Uno degli ambiti in cui questa violazione delle regole è molto evidente è sicuramente la scuola, un luogo che ormai non è più apprezzato dai giovani, al contrario delle generazioni precedenti. Un tempo la conoscenza era tutto ciò di cui si aveva bisogno, ma oggi le cose sono ben diverse. Gli atteggiamenti negativi dei ragazzi vengono criticati e affrontati dai professori stessi, e nel corso degli anni si è riscontrato come sempre più alunni abbiano problemi con le regole scolastiche.
Rispettare le regole non vuol dire porre un limite alla propria libertà, anzi, vuol dire rispettare la propria e quella degli altri. Insomma, la libertà e il rispetto sono due facce della stessa medaglia, e dovremmo sempre ricordarci che il rispetto delle persone intorno a noi è tra le cose più importanti da considerare. 

0
0 Commenti

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2019 osservatorionline.it

Effettua il login

o    

Hai dimenticato i tuoi dati?

Crea Account