Le regole sono fondamentali per la vita di ognuno. Senza di esse si vivrebbe nel caos totale. Per questo la società impone molte regole, che tutti devono rispettare. Per esempio le regole più importanti sono: il codice civile, il codice penale e il codice stradale.

I giovani non rispettano le regole, perché vogliono sentirsi liberi. Ma che cos’è la libertà? Una delle frasi più celebri di Martin Luther King è: “La mia libertà finisce dove comincia la vostra”. La libertà è un diritto che tutti devono avere, però allo stesso tempo è fondamentale non supere alcuni limiti. Questi limiti sono dettati dalle regole. Molte persone pensano che libertà personale consiste nel fare quello che si vuole, e per questo non rispettano alcune norme. Se tutti pensassero in questo modo il mondo cadrebbe in rovina, ci sarebbero omicidi, rapine e incidenti stradali ogni giorno.

In Italia viene trasmesso Il Collegio, un docu reality, dove 20 ragazzi di oggi devono passare un mese in un collegio in stile anni settanta o anni ottanta. Questi giovani quindi devono rispettare le regole del collegio di quell’epoca.  Ovviamente i ragazzi che hanno preso parte a questo reality hanno avuto molta difficoltà, ma anche un po’ di piacere a trasgredire le regole del collegio. Molti si sono chiesti, perché la maggior parte degli adolescenti desiderano entrare in questo reality. I motivi possono essere diversi. Infatti c’è chi vuole acquistare popolarità, c’è chi vuole farsi nuovi amici, oppure c’è chi sente il bisogno delle regole e quindi cercano di cambiare il proprio comportamento.

Pochissimi adolescenti rispettano con piacere ogni singola regola, che gli viene imposta. Nessuno li obbliga ad essere perfetti, infatti i ragazzi non devono essere dei robot. Però è fondamentale che i giovani fin da subito capiscono l’importanza di rispettare alcune regole.

0
0 Commenti

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2020 osservatorionline.it

Effettua il login

o    

Hai dimenticato i tuoi dati?

Crea Account