Chi è il ragazzo che rispetta ogni regola e che acconsente a qualsiasi sanzione?

Diciamocelo chiaro: non esiste. In fondo non siamo perfetti e sbagliare è umano. E’  proprio rivedendo i nostri errori che  ci rendiamo conto di aver commesso uno sbaglio e sono questi che ci fanno crescere, maturare e diventare donne o uomini migliori.

Tuttavia immaginatevi un mondo senza regole, dove ognuno può fare quello che vuole e, molto spesso, il “volere una cosa” non significa volere la cosa giusta per un’intera comunità, ma essere egoisti e pensare solo al proprio bene e piacere.  

Senza regole regnerebbe solo l’anarchia perciò, le regole,  sono indispensabili per noi esseri umani. Sicuramente non vengono sempre rispettate, ma un mondo senza regole, il pugno fermo della società,  può essere paragonato ad un luogo come il Paese dei Balocchi della favola di Pinocchio, inizialmente entusiasmante ma che ci porta solamente al pericolo e all’ignoranza. Immaginiamoci di essere tanti Pinocchio che decidono di fare quello che più gli piace: rischieremmo di diventare tanti “asinelli”, affascinati dai piaceri della vita e non conoscenti del vero senso di essa. 

Le regole sono anche questo, un modo di apprendere la vita che ci spaventa ma che, sicuramente, porta disciplina e un’immancabile autocontrollo che serve sempre nelle esperienze quotidiane.

0
0 Commenti

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2020 osservatorionline.it

Effettua il login

o    

Hai dimenticato i tuoi dati?

Crea Account