Noiose , pesanti e a volte anche fastidiose ; le regole. Ormai qualsiasi nostra attività è regolamentata in modo più o meno rigido e inevitabilmente un pò tutti ,cerchiamo di raggirarle. È vero molto spesso sono invadenti però senza regole vivremmo in una gran caos che renderebbe la nostra vita un labirinto senza fine. In questo periodo viene trasmesso sul rai 2 un docu reality dove 20 giovani nati nel nuovo millennio , sono catapultati negli anni 80 per vivere la scuola dei loro genitori. Protagoniste indiscusse del programma sobo le regole,che durante le 4 edizioni del programma, sono sempre rimaste molto rigide . Il docente di italiano del collegio , ha chiesto ai ragazzi di descrivere la scuola che vorrebbero ed è emerso che moltissimi desideravano una scuola anarchica e che faccia l’esatto contrario di quello che in realtà prevedono i programmi ministeriali ; solo una ragazza , Maggy Gioia, ha espresso la volontà di rendere più severo il sistema scolastico italiano. A mio avviso ,seppure a volte fastidiose , le regole sono alla base di un convivenza pacifica in ambito cittadino, scolastico e a livello mondiale. Mi piace pensare che siano proprio le regole a renderci liberi perchè non bisogna violarle non tanto perchè altrimenti si incorre in una sanzione , bensì bisognerebbe soffermarsi a pensare perchè tale regola è stata posta e i danni che si potrebbero causa violandola.

0
0 Commenti

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2019 osservatorionline.it

Effettua il login

o    

Hai dimenticato i tuoi dati?

Crea Account