La street art, o arte di strada, è, per definizione, un termine riferito a quelle forme d’arte che vengono manifestate, nella maggior parte dei casi illegalmente, nei luoghi pubblici, da artisti noti o anonimi e con varie tecniche diverse.

Come possiamo notare, questa definizione è molto generale e non si riesce a distinguere con esattezza, il confine tra l’arte di strada e dei semplici graffiti, per graffiti si tendono infatti a indicare quei disegni o iscrizioni, eseguiti con vernici a spruzzo, negli spazi pubblici.

Potremmo pensare che la differenza è soltanto riguardante la tecnica che viene usata per eseguirli, ma ciò non sarebbe esatto, infatti un’altra sostanziale e più importante differenza, sta nel messaggio o nello scopo che le due manifestazioni urbane hanno.

Detto questo, come si fa a distinguerle?

La divisione, per quanto possa essere accurata e ponderata, non potrà mai essere giudicata vera da tutti; questo perché nemmeno il concetto stesso d’arte è uguale per tutti e lo si può vedere per esempio, andando a visitare i musei d’arte moderna in giro per il mondo.

Perfino una banana attaccata a un muro, o un barattolo di carne in scatola firmato dall’autore, possono essere considerati opere d’arte.

Se cerchiamo di essere oggettivi, però, potremmo dire che l’arte urbana, per non essere un graffito, deve essere stata fatta per manifestare una protesta o più generalmente un messaggio, che è diretto al popolo ed è per questo che lo si trova su un muro di un parco pubblico invece che su un museo, perché all’artista non interessa essere famoso o essere visto da persone importanti, ma essere guardato da chi, quel messaggio, lo può cogliere per tutta la sua interezza.

0
0 Commenti

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2020 osservatorionline.it

Effettua il login

o    

Hai dimenticato i tuoi dati?

Crea Account