Arte o semplici graffiti? È capitato a tutti di incontrare per le strade di una qualsiasi città degli scarabocchi fatti con una bomboletta spray sui muri di un palazzo, sotto i ponti o sulle pareti di una galleria. Questo fenomeno è detto graffitismo e non è altro che una manifestazione sociale e culturale diffusa in tutto il pianeta che si basa sull’espressione delle proprie idee tramite i “graffiti” sulle pareti dell’ambiente urbano. La manifestazione di questi disegni non è ben accetta da tutti, infatti è definita da molti un atto vandalico e molti stati hanno preso provvedimenti dichiarando il graffitismo un atto punibile dalla legge. Gli “artisti di strada” che fanno uso della bomboletta per dipingere spesso lo fanno per condividere le proprie critiche sulla società oppure per esaltare la propria figura e aumentare la loro fama. Quando vengono alla luce sono severamente puniti e sono tenuti a ripulire ogni azione del loro operato, anche se spesso non succede così.

Secondo me il graffitismo è un fenomeno che non va fermato, ma andrebbe corretto. Ognuno di noi dovrebbe poter esprimere i propri pensieri in tutti i modi possibili, sempre nel rispetto degli altri, e il graffitismo potrebbe essere uno dei modi di espressione. Lo sarebbe però se non fosse messo in atto con l’obbiettivo di rovinare l’ambiente urbano che tutti condividono.

 

basata sull’espressione della propria creatività tramite interventi pittorici sul tessuto urbano, frequentemente considerati atti vandalici e puniti secondo le leggi vigenti.

0
0 Commenti

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2020 osservatorionline.it

Effettua il login

o    

Hai dimenticato i tuoi dati?

Crea Account