In qualsiasi città si vada, l’elemento sempre presente è il graffito sui muri. Nel 90% dei casi i graffiti sono realizzati solamente per scrivere frasi sciocche e banali come “Ti amo, sei la mia vita”, oppure veri insulti o disegni irrilevanti. Mettere in evidenza la propria creatività non è questo. Imbrattare i muri serve soltanto a far sprecare soldi, utilizzati per acquistare secchi di pittura. Questo infatti non ha niente a che vedere con le “Street art”. infatti in quei casi vengono raffigurati concetti importanti o che comunque fanno riflettere. Realizzare dei graffiti giusto per sentirsi trasgressivi o per lasciare una propria traccia è un gesto completamente inutile e svantaggioso. I ragazzi dovrebbero crescere con questo pensiero e dovrebbero avere la maturità necessaria per comprenderlo da soli.

Alla fine quello che si ottiene è anche un inquinamento visivo e penalizza la città. Infatti Bologna sarebbe dovuta diventare la sede del Patrimonio mondiale UNESCO, ma non può esserlo se non vengono eliminati completamente i graffiti. Possibile che si debba rovinare la propria città per sciocchezze? La superficialità e la stupidità umana si rileva anche in questo. Ci si concentra sempre sugli avvenimenti che suscitano maggior scalpore e ci si dimentica di quelli che si vedono tutti i giorni. Il mondo non può migliorare di colpo, però ognuno può dare il proprio contributo. Alla fine si raccoglie ciò che si semina. Purtroppo credo che non verrà raccolto niente di buono.

 

1+
avatar
0 Commenti

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2020 osservatorionline.it

Effettua il login

o    

Hai dimenticato i tuoi dati?

Crea Account