Quattro ragazzi contro il governo. Si può riassumere così la nascita del movimento delle sardine, avvenuto lo scorso 14 Novembre. Quella sera però,al Paladozza erano riuniti 15 mila persone, strette fra loro proprio come delle sardine. Il movimento ha come protagonisti tutti coloro che negli ultimi mesi protestano contro le riforme del leader della lega, Matteo Salvini. Grazie a Giulia, Andrea, Roberto e Mattia Santori, il fenomeno, nato a Bologna, si sta espandendo in tutta Italia.

Tramite le loro manifestazioni, che prevedono a volte la realizzazione di flash mob, è grande il supporto che il movimento ha conquistato, da parte di persone, sopratutto giovani, di tutta Italia. Ma la Lega non tace. Arrivano in fretta le polemiche, che accusano i ragazzi di essere manovrati  da qualche esponente politico. Non si sa ancora quale potrà essere il futuro del movimento. Alcuni pensano che i componenti vogliano arrivare a delle cariche politiche, altri che vogliano candidarsi. Ma in ogni caso, nonostante le problematiche, niente e nessuno sembra poter fermare questi ragazzi, spinti più che mai dal desiderio di far sentire le proprie parole.

È sicuramente un grande atto di coraggio quello descritto dai tutti questi giovani, che pur essendo tali non temono le critiche e continuano a guardare avanti. I fondatori del movimento sono così diventati una guida per coloro che desiderano solo un paese adatto a loro.

0
0 Commenti

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2020 osservatorionline.it

Effettua il login

o    

Hai dimenticato i tuoi dati?

Crea Account