Per noi studenti l’uso del cellulare in classe è diventata un’insostituibile abitudine. Poiché ci sono norme che ne limitano l’utilizzo, credo quindi che nei momenti opportuni come la ricreazione o i cambi dell’ora possa essere usato. In questo caso servirebbe esclusivamente come mezzo di comunicazione, talvolta anche come mezzo di crescita perché grazie ad Internet potrebbe essere utilizzato in maniera costruttiva. Infatti i cellulari spesso si rivelano strumenti capaci di facilitare l’apprendimento, se guidato da un insegnante preparato. In questo caso si potrebbe vedere il telefono come un vero e proprio computer, infatti ci sono decine di pratiche scolastiche in cui si può utilmente insegnare facendo usare agli studenti lo smartphone. Compito della scuola sarà quello di far usare il cellulare come uno strumento che a volte va usato, a volte va spento e altre volte va limitato ad alcune funzionalità. Ciò che è da condannare non è l’uso del cellulare, ma il bullismo high-tech e il cyberbullismo.

0
0 Commenti

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2020 osservatorionline.it

Effettua il login

o    

Hai dimenticato i tuoi dati?

Crea Account