Con il termine “Cannabis” o “Cannabinoidi” si comprendono tutte le sostanze psicoattive che si ottengono dalla Cannabis sativa o, meglio, dalle infiorescenze femminili di tale pianta. Il termine comprende circa 60 componenti attivi fra cui i più importanti sono: il tetraidrocannabinolo (THC), componente attivo primario il cannabidiolo (CBD) il cannabinolo (CBN).
I derivati della cannabis sono le più diffuse ed usate droghe illegali. Secondo molti l’utilizzo delle droghe leggere è un fenomeno recente, ma in realtà nasconde delle origini molto lontante nel tempo ;infatti molti militari prima di una spedizione erano costretti ad acquisire tali sostanze per partire di meno il dolore. Questo evento si è verificato anche durante la Seconda Guerra Mondiale quando gli eserciti tedeschi venivano sottoposti all’acquisizione delle droghe leggere per rendere meglio sul campo di battaglia. Alla fine della guerra ,i sopravvissuti sono caduti in una dipendenza da droghe e lo stato che si è reso responsabile di questa disgrazia, è stato costretto a rifornire legalmente gli ex militari. Oggi l’età media dell’approccio alle droghe leggere si è drasticamente abbassato fino all’età di 11 anni. Sono innumerevoli gli studi che dimostrano la pericolosità delle droghe leggere in particolar modo di uno dei suoi componenti ; THC.Nonostante questo però, sono molti in Italia i sostenitori della legalizzazione delle droghe leggere ; come Roberto Saviano, intellettuale e scrittore italiano, che spiega come una grande parte del mercato nero delle mafie sia caratterizzato dalla vendita di droga.

1+
avatar
0 Commenti

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2020 osservatorionline.it

Effettua il login

o    

Hai dimenticato i tuoi dati?

Crea Account