Il SARS-CoV-2, chiamato anche nuovo coronavirus nCoV-2019 e conosciuto anche come coronavirus di Wuhan, è un virus scoperto alla fine del 2019. Questo virus è appunto nato a Wuhan, una città cinese di 11 milioni di abitanti,dalla trasmissione del morbo da un pipistrello ad un serpente che a sua volta lo ha trasmesso all’uomo in uno dei tipici mercati cinesi.

I sintomi più comuni di un’infezione da coronavirus nell’uomo includono febbre, tosse, difficoltà respiratorie. Nei casi più gravi, l’infezione può causare polmonite, sindrome respiratoria acuta, grave insufficienza renale e nel 2% dei casi la morte. A differenza di ciò che viene detto nei giornali quindi, il dato non è così preoccupante da creare una vera e propria psicosi tra le persone. Unito a questo caos mediatico, su internet hanno iniziato ad essere virali fake news come quella riportata dal Washington Times in prima pagina, avente come titolo: “Il virus è un’arma per la guerra batteriologica cinese”. Secondo gli autori di questo articolo quindi il coronavirus sarebbe collegato con il programma di sviluppo di armi batteriologiche cinesi, tesi alquanto irreale poiché non ci sono collegamenti tra i due fatti. A mio parere non bisognerebbe allarmarsi più di tanto ma lavarsi le mani dopo essere stati in luoghi pubblici e sperare che si trovi al più presto una cura per questo nuovo virus.

 

Mattia Morroni

 

1+
avatar
0 Commenti

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2020 osservatorionline.it

Effettua il login

o    

Hai dimenticato i tuoi dati?

Crea Account