L’emergenza COVID-19 ci sta impegnando nel ricercare sistemi che garantiscano un ritorno alla normalità i quali, al contempo, rispettino tutte le dovute norme di precauzione: il distanziamento e l’igiene. In un periodo in cui tutto è bloccato come se fossimo in stand-by, l’arte è l’unico soggetto a non essere condizionato dall’immobilità del nostro tempo. Ne sono l’esempio i musei che si sono attrezzati attraverso siti web che promuovono tour virtuali attraverso lo schermo del proprio telefono, tablet o computer; sii possono ora non quindi ammirare tutte quelle opere che fino a poco tempo fa avevamo la fortuna di poter osservare dal vivo. Come ben si sa, tuttavia, l’arte non è limitata solamente alla pittura, scultura e architettura. È il cinema un altro protagonista assoluto delle varie soluzioni adottate durante il coronavirus. In questo periodo, diversi sono i canali televisivi che ci stanno dilettando attraverso la trasmissione di serie tv note, film di grande successo e programmi televisivi che hanno come presupposto il divertimento del pubblico forzatamente da casa. Ciò nonostante, indubbiamente sentita è la mancanza dell’opportunità di poter guardare le ultime uscite su di un mega schermo; essendo negata per ovvie questioni igieniche tale occasione, ecco ritornare il cineparco, meglio conosciuto come cinema drive-in. Ecco quindi che i sedili delle nostre macchine diventano un valido sostituto alle poltrone del cinema o ai divani delle nostre abitazioni; ecco quindi che si potrà sentire nell’aria un vago accenno di ritorno alla normalità. Le piazze, i parcheggi diverranno il nuovo luogo nel quale condividere un momento di spensieratezza in compagnia, seppur con la dovuta distanza, di chi ricerca attraverso una proiezione un “contatto” umano. Un’immersione nel passato quella del cinema drive-in che oggi più che mai risulta la soluzione appropriata e forse ognuno di noi si sentirà protagonista di quel film che di moda non passa mai: Grease.

0
0 Commenti

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2020 osservatorionline.it

Effettua il login

o    

Hai dimenticato i tuoi dati?

Crea Account