La Virgin Hyperloop one, fondata dal miliardario britannico Richard Branson, è una delle società che si è occupata della costruzione dell’Hyperloop, un mezzo di trasporto a levitazione magnetica che si muove dentro tubi a bassissima pressione, in modo da minimizzare l’attrito con l’aria e aumentare la velocità. Questa società ha effettuato diversi test in tutto il mondo, dal deserto di Dubai a enormi magazzini in Europa. I requisiti per poter costruire un treno ultraveloce sono che il terreno sia pianeggiante e abbia ampi spazi vuoti da sfruttare: l’Hyperloop, infatti, per viaggiare alla massima velocità deve necessariamente seguire una linea retta e piana. Nel caso in cui dovesse effettuare curve, sarebbe costretto a diminuire notevolmente la velocità per evitare che si eserciti troppa forza sui passeggeri, causando loro seri problemi fisici come ictus o svenimenti. Tuttavia, costruire tracciati per i treni Hyperloop senza che ci siano curve significa attraversare numerose proprietà private, e ottenere i permessi necessari è complicato. Una soluzione a questo problema sarebbe costruire il tracciato vicino a vecchi binari ferroviari in disuso, dove ci sono, oppure vicino alle autostrade, su terreni di proprietà statale. Hyperloop, inoltre, sembra per ora una soluzione realizzabile solo per i viaggi tra città distanti, perché i tempi di accelerazione e frenata renderebbero inutile l’utilizzo su tratte troppo brevi.

0
0 Commenti

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2020 osservatorionline.it

Effettua il login

o    

Hai dimenticato i tuoi dati?

Crea Account