La situazione che stiamo vivendo è molto chiara. Il Covid sta stravolgendo le vite di ogni singola persona, ci sta privando di abbracci, carezze, baci e dell’affetto degli amici parenti e famigliari; cose di cui abbiamo più bisogno.

I momenti di felicità e di amore tolti in questo lungo periodo non potremo più riaverli… Le vittime di questa pandemia sono fino ad ora 1. 650.348. Ci sono poi gli ammalati, soli e sofferenti costretti in un letto di ospedale, che non possono ricevere la visita dei propri familiari. In tutto questo ci sarà via d’uscita? Come dice il sociologo e professore IULM Vanni Codelupp: ”Gli esseri umani non sono in grado di prevedere il futuro”. Per tante persone anziane, questo anno 2020 così difficile, strano e doloroso è il rivivere i brutti ricordi vissuti nel passato.

Questa vita che ci costringe ogni giorno ad ascoltare gli innumerevoli DPCM dati dal governo che limitano  gli spostamenti in ogni regione, provincia, comune ad ogni singola persona; secondo il mio punto di vista si deve proseguire con impegno, ma anche con ottimismo, continuando a sorridere, a sognare e ad avere speranza.

1+
avatar
0 Commenti

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2021 osservatorionline.it

Effettua il login

o    

Hai dimenticato i tuoi dati?

Crea Account