Ultimamente sentiamo parlare spesso di Revenge Porn, ma cos’è? È a tutti gli effetti un reato, secondo me immorale, che un uomo o una donna compiono, diffondendo immagini intime senza il loro consenso.

Il caso più recente è quello della maestra di Torino, ingiustamente licenziata. Ciò che mi ha colpito di più è il fatto che questa donna sia rimasta sola, senza appoggi.

Questa maestra, oltre ad aver subito dei danni morali considerevoli, è stata derisa anche da chi avrebbe dovuto sostenerla. Trovo che per lo meno fra donne ci debba essere un po’ di sostegno!

In generale per questa forma di violenza è stata approvata una legge nel 2019, quindi molto recente, ma la mentalità al riguardo forse resterà chiusa e limitata, quasi squallida.

Molti sui social hanno detto la loro, come Claudio Marchisio, che scrive:

Sono state fatte anche proteste e piccole rivolte, dove le donne si sono riunite per cercare di sostenere la maestra ma anche tutte le donne vittima di questa ingiustizia e per sradicare questa sciocca credenza.

Trovo assurdo che ancora al giorno d’oggi ci sia una mentalità così ristretta verso queste cose, come siano ancora considerate un tabù. Le scuole dovrebbero insegnare educazione sensuale in modo da togliere a poco a poco questa sciocca sessualizzazione del corpo femminile e per prevenire tutto quello che riguarda la sfera sessuale da troppo tempo rimasta nell’ombra.

Noi alunni e più in generale noi ragazzi abbiamo il diritto di essere informati, per quanto possibile, su ogni argomento, e anche i genitori dovrebbero parlarne. Loro molto spesso sono i 

Questa maestra, oltre ad aver subito dei danni morali considerevoli, è stata derisa anche da chi avrebbe dovuto sostenerla. Trovo che per lo meno fra donne ci debba essere un po’ di sostegno!

In generale per questa forma di violenza è stata approvata una legge nel 2019, quindi molto recente, ma la mentalità al riguardo forse resterà chiusa e limitata, quasi squallida.

Molti sui social hanno detto la loro, come Claudio Marchisio, che scrive:

Sono state fatte anche proteste e piccole rivolte, dove le donne si sono riunite per cercare di sostenere la maestra ma anche tutte le donne vittima di questa ingiustizia e per sradicare questa sciocca credenza.

Trovo assurdo che ancora al giorno d’oggi ci sia una mentalità così ristretta verso queste cose, come siano ancora considerate un tabù. Le scuole dovrebbero insegnare educazione sensuale in modo da togliere a poco a poco questa sciocca sessualizzazione del corpo femminile e per prevenire tutto quello che riguarda la sfera sessuale da troppo tempo rimasta nell’ombra.

Noi alunni e più in generale noi ragazzi abbiamo il diritto di essere informati, per quanto possibile, su ogni argomento, e anche i genitori dovrebbero parlarne. Loro molto spesso sono i 

Questa maestra, oltre ad aver subito dei danni morali considerevoli, è stata derisa anche da chi avrebbe dovuto sostenerla. Trovo che per lo meno fra donne ci debba essere un po’ di sostegno!

In generale per questa forma di violenza è stata approvata una legge nel 2019, quindi molto recente, ma la mentalità al riguardo forse resterà chiusa e limitata, quasi squallida.

Molti sui social hanno detto la loro, come Claudio Marchisio, che scrive:

Sono state fatte anche proteste e piccole rivolte, dove le donne si sono riunite per cercare di sostenere la maestra ma anche tutte le donne vittima di questa ingiustizia e per sradicare questa sciocca credenza.

Trovo assurdo che ancora al giorno d’oggi ci sia una mentalità così ristretta verso queste cose, come siano ancora considerate un tabù. Le scuole dovrebbero insegnare educazione sensuale in modo da togliere a poco a poco questa sciocca sessualizzazione del corpo femminile e per prevenire tutto quello che riguarda la sfera sessuale da troppo tempo rimasta nell’ombra.

Noi alunni e più in generale noi ragazzi abbiamo il diritto di essere informati, per quanto possibile, su ogni argomento, e anche i genitori dovrebbero parlarne. Loro molto spesso sono i primi a insegnarci cose sbagliate che ci portano a fare azioni di conseguenza errate.

0
0 Commenti

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2021 osservatorionline.it

Effettua il login

o    

Hai dimenticato i tuoi dati?

Crea Account