Ieri 25 gennaio 2021 Giuseppe Conte ha annunciato per la seconda volta durante il suo mandato come Presidente del Consiglio le proprie dimissioni. La decisione tanto attesa negli ultimi giorni è stata, dunque, presa. Ciò comporterà probabilmente un’anticipazione delle elezioni per creare un nuovo governo che si spera possa avere una maggioranza più solida, affinché in un periodo di crisi tanto complesso, come quello che stiamo vivendo, possano essere prese decisioni più rapide e decisive. Il problema del governo Conte 2, infatti, è stato proprio l’assenza della maggioranza in molte delle commissioni dei due rami del Parlamento. Nonostante il Premier abbia ottenuto la prevalenza dei voti di fiducia dal Senato e dalla Camera, ha ceduto comunque senza tentare di istituire un governo della “minoranza”, con il quale sarebbe stato difficile prendere velocemente importanti decisioni come la scelta di come utilizzare i fondi europei per il Recovery Plan. Ora bisogna effettuare il bilancio dei benefici: si rivelerà essere migliore la scelta di formare di un nuovo governo, o tale mossa si rivelerà svantaggiosa e farà perdere molto tempo prezioso in un momento tanto delicato?

0
0 Commenti

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2021 osservatorionline.it

Effettua il login

o    

Hai dimenticato i tuoi dati?

Crea Account