Sconosciuta, straniera, curiosa: meno di un anno fa la mascherina per noi era questo, un accessorio indossato dai chirurghi e dai turisti asiatici in visita nelle nostre città. Oggi, vedere qualcuno senza questa indosso girovagare per le strade, provoca sdegno e rabbia. Dimenticarla a casa è divenuta una valida ragione per tornare indietro a prenderla. Per la paura di romperla o sporcarla, una di riserva in tasca non è mai abbastanza. Quella che per noi è diventata ora quasi un’abitudine, per Paesi come il Giappone era già da tempo la normalità: mascherine sempre indosso, poco contatto fisico. Una regola che agli italiani, popolo dal calore e socialità uniche, sta stretta, ma che invece sarebbe risultata comoda ad evitare molte delle vittime mietute dal covid-19.
Infatti in Italia, nonostante la pressante pandemia, non tutti hanno rinunciato alla vicinanza, al contatto, forse per cultura, magari per la voglia di vivere come se nulla stesse accadendo, probabilmente per la troppa e costante leggerezza al riguardo. Tutti elementi che aiutano a capire come mai i giapponesi, ligi e rispettosi delle regole e dalle istituzioni forse più rigide, anche se vicini alla Cina, abbiano avuto solo 7.000 morti, contro le nostre 95.000. È questione di culture e, certamente, molti staranno ora ridendo sotto i baffi visto che, prima del coronavirus, allo scorgere dei turisti indossare la mascherina, quelli a ridacchiare eravamo noi.
La vita è una ruota che gira e ora come mai, non si aspetta altro che si muova verso la fine di questo triste periodo. Condannare alla damnatio memoriae quest’ultimo anno, dimenticare le perdite, la solitudine e la crisi che ha portato, ricominciare a vivere “normalmente” è il desiderio, probabilmente utopico, di molti. Proprio per questo la mascherina faticherà ad essere introdotta nella nostra cultura, nonostante una sia destinata a rimanere sempre lì, nel nostro cassetto, in attesa delle future epidemie che alcuni esperti predicono frequenti negli anni a venire. Ovviamente dimenticare questo tempo sarebbe inutile, sbagliato, e come anche la Storia ci insegna, guardando a questo periodo in futuro riusciremo sicuramente a trovare insegnamenti e lati positivi, anche se, ora come ora, la voglia di togliersi in sicurezza la mascherina è troppa per poterli veramente comprendere.

0
0 Commenti

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2021 osservatorionline.it

Effettua il login

o    

Hai dimenticato i tuoi dati?

Crea Account