Nel 2021 le piattaforme digitali costituiscono ormai una delle fonti principali di informazione. Nonostante i quotidiani continuino a mantenere la reputazione di fonti autorevoli e attendibili, spesso si tende a leggere e cercare le notizie sui social media e, più in generale, su Internet, piuttosto che sui giornali, che da qualche anno ormai sono stati costretti a digitalizzarsi per rimanere al passo coi tempi.  Inoltre uno degli obiettivi, che sempre di più cercano di raggiungere le più grandi società digitali, è il controllo delle notizie fornite dai quotidiani. Per raggiungere tale scopo sia Facebook, sia Google hanno proposto di stanziare fondi del valore di 1 miliardo di dollari per il controllo delle testate giornalistiche. Il dibattito, dunque, si riapre. Nonostante, infatti, il web sia una fonte aperta a tutti, i Giganti che lo controllano sono tutte società private, il cui scopo non è l’informazione, ma il guadagno. Questo non significa che la digitalizzazione della comunicazione sia del tutto negativa. Sui social, infatti, ci sono moltissimi canali di informazione affidabili ed interessanti, su temi di ogni genere. L’importante è, per quanto riguarda i singoli, imparare a distinguere fonti autorevoli e, per quanto riguarda i piani alti, evitare che l’informazione diventi monopolio di qualche grande società.

0
0 Commenti

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2021 osservatorionline.it

Effettua il login

o    

Hai dimenticato i tuoi dati?

Crea Account