Il tema dei diritti delle donne e dell’uguaglianza tra il genere femminile e quello maschile è un argomento su cui, fortunatamente, si discute molto, cosa che di certo costituisce il primo passo verso il raggiungimento di tali obiettivi. Nella maggior parte dei Paesi del “Nord” del mondo, le donne, giorno dopo giorno, stanno facendo grandi passi avanti sulla strada della parità di genere, non senza incontrare comunque molti ostacoli. In altri Paesi, invece, il sesso femminile è ancora privato di gran parte dei diritti che a noi “occidentali” sembrano scontati: pensiamo ad esempio ai Paesi del Medio Oriente in cui la donna non ha la possibilità di guidare un auto (solo in Arabia Saudita ha recentemente ottenuto questo diritto) né tanto meno di uscire da sola senza l’autorizzazione di un uomo. E queste sono alcune delle informazioni che circolano di più riguardo alla condizione del genere femminile. Magari fosse “solo” questo: secondo le stime, i due terzi degli adulti analfabeti nel mondo appartengono al sesso femminile. Un chiaro esempio di come la donna continui ad essere scoraggiata o addirittura ostacolata a studiare e imparare. Naturalmente questo si ripercuote pesantemente sulla condizione femminile: molte donne, a causa di un’ignoranza di cui non hanno colpe perché è qualcun’altro a sceglierla per loro, arrivano addirittura a pensare che siano realmente inferiori, che gli uomini abbiano maggiori diritti perché sono “naturalmente” predisposti ad esserne degni, e che loro non debbano neanche provare a ribellarsi, dato che, in fondo, è “giusto” così. Peccato che non ci sia nulla di più sbagliato. 

0
0 Commenti

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2021 osservatorionline.it

Effettua il login

o    

Hai dimenticato i tuoi dati?

Crea Account