Si può fare a meno della tecnologia? Credo proprio di no, e come tale, pare quasi impossibile trovare un’occupazione che vada contro all’informatica. Andando contro tendenza, il mio è un no al desiderio di lavorare nel campo informatico-tecnologico, nonostante esso rappresenti il sogno di molti nativi digitali come me. Secondo quanto riportato da sondaggi condotti da diverse testate giornalistiche Italiane, ben sette ragazzi su dieci cercano una possibilità lavorativa in questo ambito, un dato che più di ogni altro rappresenta la forte impronta tecnologica che la globalizzazione ha sugli adolescenti di oggi.
Detto questo, è un no convinto ad ogni possibilità di occupazione in questo campo. Preferirei sicuramente un lavoro a contatto con le persone e non schiavo di un computer o di qualsiasi altro mezzo tecnologico, oppure direttamente a contatto con la natura, troppo spesso sottovalutata e scartata nella prospettive dei giovani alla disperata ricerca di un lavoro.
Chissà, un andare controcorrente che potrebbe fungere da esempio per molti altri miei coetanei, eccessivamente desiderosi di un’occupazione con Apple o Google, e poco vogliosi di dare una mano effettiva alla società ed al mondo che ci circonda. Lavoro tecnologico? No, grazie, lavoro umano!

0
0 Commenti

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2020 osservatorionline.it

Effettua il login

o    

Hai dimenticato i tuoi dati?

Crea Account