Mai come in questo momento siamo in balia di reazioni estreme, irrazionali. Ansia e forse anche aggressività sono diffuse in ogni aspetto della vita quotidiana. La paura ci fa sentire perdenti, non riusciamo ad essere creativi perché temiamo il fallimento e il giudizio altrui. Solo quando ritroveremo la speranza, la situazione potrà migliorare. Infatti, per tantissimi ragazzi la scuola non è solo un luogo per assimilare cose nuove e sviluppare i pensieri conoscendo opinioni differenti. Ora come ora si è trasformata nel principale campo di combattimento dove affondare in un certo senso i propri compagni di classe. Si, proprio quei compagni con cui potresti distrarti un poco e dare inizio a una bellissima amicizia. Personalmente, credo che sia normale avere una classe disomogenea con voti tutti diversi tra di loro, ma sono totalmente contraria nel criticare sempre il lavoro di altri disprezzandolo e deridendolo anche solo per paura di aver fatto peggio. A questo punto a mio avviso la principale causa dello stress nella scuola non sono i compiti che si svolgono, ma la competizione che si crea all’interno della classe. Perciò, l’unico metodo e soluzione per combattere questa guerra all’ultimo voto più alto sia il dialogo tra i docenti e la classe. Se questo accadesse tutto andrebbe meglio senza stress e senza gratuite cattiverie.

0
1 Comment
  1. miristella 3 anni ago

    Ciao, dania 19!
    Hai perfettamente ragione, spesso

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2019 osservatorionline.it

Effettua il login

o    

Hai dimenticato i tuoi dati?

Crea Account