Beh! Diciamo che non a tutti piace la scuola, ma ci sono anche persone a cui piace. Per me la scuola non è che sia un carcere, ma chi non preferirebbe stare a letto fino a tardi, invece che alzarsi alle 6:00, 6 giorni su 7. Anche le ore sono tante. Stare a scuola fino alle 2, ascoltando 6 ore di spiegazioni, di interrogazioni, con solo 10 minuti da pausa ,è troppo!Oltretutto una volta tornati a casa dobbiamo studiare le 6 materie per i giorno successivo, e quindi per avere buoni risultati bisogna studiare bene e tanto. E questo tempo che noi utilizziamo per studiare è veramente troppo … in alcuni casi si tratta di altre 6 ore. In conclusione non abbiamo più tempo per lo svago. Tornando alla scuola stessa,alcuni professori sono un po’ troppo severi. Per loro a scuola dovremmo stare perennemente seri, senza accennare ad una minima risata. Ma siamo ragazzi, abbiamo bisogno di ridere e di socializzare. Sono consapevole che la scuola è una cosa seria, ma lasciateci un po’ liberi! A parte questo noi ragazzi pensiamo che per i professori noi siamo solo un numero, un numero parlante su cui mettere una valutazione durante un’interrogazione. Un altro esempio di stress a cui ci sottopone la scuola sono i compiti durante le vacanze. Per noi quei giorni sono giorni di vacanza dallo studio e dallo stress. Per concludere vorrei dire di lasciarci un po’ più liberi, riducendo le oppressioni per garantirci una bellissima adolescenza.

0
0 Commenti

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2019 osservatorionline.it

Effettua il login

o    

Hai dimenticato i tuoi dati?

Crea Account