Io sono d’accordo con tutti quei ragazzi che ritengono la scuola stressante. Partiamo dal fatto che le ore sono troppe, io entrerei alle 9 e uscirei alle 12, dividendo l’orario in più materie. Non mi posso lamentare dei compiti che ricevo, perché li ritengo giusti come mole di lavoro. Vorrei, che alcuni professori fossero più comprensibili e non che sgridino i ragazzi 24 ore su 24. Uno dei più grandi problemi, secondo me, sono le uscite per andare alle macchinette o al bagno. Non ritengo giusto che a causa di alcuni ragazzi che escono per fare il giro della scuola, altri debbano aspettare, quindi migliorerei i controlli dei corridoi. I trasporti invece sono comodi solamente in determinate giornate, perché alcune volte arriva in ritardo e devo aspettare che arrivi il mezzo di trasporto. Secondo me, sono molte le materie per l’indirizzo che un ragazzo ha scelto, eliminerei quelle inutili e quindi sarebbero molte ore in meno. Ci sono stati ad un certo punto dell’anno compiti e interrogazioni una dietro l’altra e quel periodo infatti è stato uno dei più stressanti senza poi parlare del “fattore ansia”. L’ultima cosa negativa della scuola sono le assemblee di classe per i rappresentanti, perché i compagni non capiscono spesso quanto è stressante tenere 30 persone calme.

0
0 Commenti

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2019 osservatorionline.it

Effettua il login

o    

Hai dimenticato i tuoi dati?

Crea Account