Che la scuola sia troppo stressante è certamente un dato di fatto; lo testimoniano anche i dati che ci vengono forniti dall’Organizzazione Mondiale della Sanità. Ad eccezione di pochi ragazzi, la maggior parte di studenti reputa esagerata la concentrazione di verifiche, interrogazioni e compiti per casa nel corso dell’anno scolastico. Non chiediamoci poi perché molti studenti non ottengono buoni risultati e non riescono ad apprendere abbastanza velocemente! Tutto ciò viene accollato anche come colpa ai professori; anche per loro però è una vera e propria corsa contro il tempo per terminare tutti gli argomenti previsti dal programma. A mio parere una soluzione a questo problema sarebbe innanzi tutto dare un taglio ai programmi, in modo da alleggerire un po’ il lavoro. In secondo luogo sarebbe utile una distribuzione più equa delle esercitazioni durante l’anno e si dovrebbe impegnare al meglio il tempo a scuola in modo da riuscire a lavorare meglio a casa.
Ovviamente ognuno vede la situazione dal proprio punto di vista e quindi con pareri differenti. Ciò che è sicuro è che dedicarsi allo studio è certamente il nostro dovere e va fatto con coerenza e responsabilità; ma ogni tanto qualche pausa per lo sfogo è fondamentale!

0
0 Commenti

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2019 osservatorionline.it

Effettua il login

o    

Hai dimenticato i tuoi dati?

Crea Account