La scuola, oggi, è molto frustante per molti giovani italiani.

In sostanza, tutti i giorni sento dei ragazzi parlare della scuola; dicendo che c’è molto da studiare, che per colpa di questa non hanno mai il tempo di fare niente; perché lo studio richiede molto tempo e quindi i ragazzi sono molto stressati per colpa di questo fattore, ma sapete cosa penso io? Che secondo me, non è tanto il problema dello studio, ma la vera complicazione siamo noi, perché siamo pigri, non abbiamo voglia di fare niente e per il minimo sforzo troviamo la solita scusa: lo stress.

É davvero molto semplice dire ‘no, sono stressato, io non lo faccio’ solo perché non si ha voglia di fare certe cose (ed io lo so per esperienza, perché anch’io la penso di solito in questo modo, ma allo stesso tempo so che è sbagliato); invece di mettersi lì d’impegno a risolvere i propri problemi (sempre legati alla scuola intendo).

Sinceramente non lo so come si possa risolvere questo problema, se no l’avrei già fatto in prima persona; però voglio finire dicendo che se mi sbagliassi, e il problema fosse veramente lo studio, dovremmo solo ringraziare, perché solo in questo modo possiamo migliorare e allo stesso tempo prepararci alla vita lavorativa.

0
0 Commenti

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2020 osservatorionline.it

Effettua il login

o    

Hai dimenticato i tuoi dati?

Crea Account