D’altronde si sa, le cose belle piacciono a tutti, e potete starne certi, il territorio italiano ne é ricco. Non a caso le vogliono, ma quando si tratta di territori o paesaggi che siano, il piacere di “comprare” questi posti é impossibile per via di alcuni vincoli legali-territoriali…o forse no. Già, perché bisogna ricordare che l’Italia é messa in vendita, non é uno scherzo o un’affermazione allegorica, lo Stato Italiano vende parte dei suoi “paradisi terrestri”. Quello dell’Isola di Budelli é soltanto l’apice di un triste fenomeno che conseguentemente fa venire meno quella che é la bellezza territoriale del nostro Paese, una sorta di svendita che non recherà alcun lato positivo allo Stato Italiano, se non qualche lievissimo indennizzo economico nelle casse Italiane. Il calo in termini di beni naturalistici, legato a nessun incremento dal punto di vista economico, sono due fra le molteplici motivazioni che portano ad un no alla vendita della nostra terra verso chi di essa vuole farne un business. Riflettiamo un attimo rivolgendo un pensiero a chi per il territorio Italiano ha perso la vita, chi ha lasciato la propria anima su un campo di battaglia: vogliamo onorare o no questi eroi che ci hanno donato l’Italia? NO alla svendita del territorio Italiano, siamo una Nazione, non un supermercato!

0 Commenti

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

    Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2022 osservatorionline.it

    Effettua il login

    o    

    Hai dimenticato i tuoi dati?

    Crea Account