Meglio un eBook o un libro di carta? La risposta è: “meglio leggere” a prescindere se la forma sia digitale o non. Certo è che fra cinquant’anni è probabile che si ritornerà indietro perché il libro e la scrittura hanno sempre caratterizzato la storia della nostra cultura. Aldilà dell’apprezzamento di alcune straordinarie opportunità che ci provengono dalle nuove tecnologie. E’ pur vero che questa innovativa forma è molto più comoda rispetto al tradizionale libro cartaceo, per la fruibilità ad ogni ora e in ogni luogo di poter accedere ad un numero esponenziale di contenuti. Ma il tempo sarà breve perché la perdita del libro è perdita per l’umanità, è perdita della capacità di ricordare, è perdita di memoria e di sapienza. E’ perdita di capacità immaginifica e immaginaria che l’eBook non può regalare. La nuova tecnologia non può e non deve sostituire l’incontro vis à vis con il libro che la tradizione culturale plurimillenaria ci ha tramandato, per il gusto e l’esperienza di una lettura solitaria, profonda e meditata che è chiave di accesso alla conoscenza della nostra intimità e del mondo intero. Le biblioteche? Lo spazio e la piazza del sapere, il luogo del benessere della mente e dell’anima ma soprattutto fonte di valori umani. Istituzione di civiltà e “volano del sapere”: dalle prime testimonianze di scrittura del cinquemila avanti Cristo a tutt’ oggi. E se eBook e libro cartaceo correranno paralleli è certo che non si incontreranno, né in sovrapposizione né in sostituzione. Il libro è parte integrante della vita umana e come tale non avrà mai fine. Perché è il libro a creare la biblioteca, non di certo la digitalizzazione delle storie e delle conoscenze. L’uomo ha avuto sempre bisogno di organizzare e conservare i contenuti a cui si attribuisce un valore in appositi spazi e strutture di senso che non sono lo spazio del web. Perché la virtualità è inconsistente, “liquida”, temporanea e revocabile. E l’uomo si è espresso sempre attraverso segni tangibili. Dunque alla domanda “Tra cinquant’anni vi verrà la voglia di prendere un libro dallo scaffale o piuttosto scaricherete un eBook?”. Noi, cittadini del futuro rispondiamo con vigore ed entusiasmo: “Prenderemo un libro dalla biblioteca!”. Per il piacere, oltre che della lettura,della mente e dell’anima.

0 Commenti

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

    Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2023 osservatorionline.it

    Effettua il login

    o    

    Hai dimenticato i tuoi dati?

    Crea Account