Ormai, lo sappiamo tutti, i tempi stanno cambiando. Noi, gli adolescenti del presente, viviamo una realtà e un’adolescenza, completamente differente da quelle vissute dai nostri genitori o addirittura dai nostri nonni. Loro erano sempre alla ricerca di libri, di documenti cartacei, per fare ricerche e scrivere le loro tesi. Inoltre, scrivevano sempre lettere che indirizzavano ai loro amici, ai loro cugini e ai loro parenti. Noi invece, non pensiamo mai ai libri, siamo tecnologici, infatti se dobbiamo fare una ricerca il primo pensiero e prendere il cellulare, collegarsi al wi-fi e digitare ciò che ci serve. Questa è ormai la realtà e ciò porterà la promozione degli e-book (libri digitali) o dei libri di carta?. Per come vanno le cose in questo periodo, presumo che arriveremo a sostituire pure a scuola lo zaino stracolmo di libri, con un tablet che racchiude tutti i libri che avremmo dovuto portare sulla spalla. Così, però, portiamo i libri di carta, libri che hanno una storia, a perdere il loro significato e a trascurare la storia che vi è dietro. Questo non è concesso, i libri di carta sono e resteranno sempre, anche tra mille anni indispensabili, perché ci riportano indietro nel tempo e ci aiutano a comprendere meglio il periodo in cui sono stati composti. Perciò, usiamo gli e-book, ma non dimentichiamoci mai delle nostro radici cartacee.

0
1 Comment
  1. hamid123 4 anni ago

    Ciao !
    Hai scritto un bellissimo articolo, ricco di contenuto, hai descritto bene il tema e hai saputo come esprimere le tue idee .
    Complimenti e buon lavoro per le prossime volte .
    Hamid_

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2020 osservatorionline.it

Effettua il login

o    

Hai dimenticato i tuoi dati?

Crea Account