All’età di 8 anni ricevetti una copia del famoso classico “Notre-Dame de Paris” , regalo di mio padre. Nella prima pagina del libro scrisse che avrebbe voluto regalarmi l’amore per le parole da scrivere, da leggere o da dire perché queste fanno la differenza tra l’uomo e gli animali. Custodisco questo regalo molto gelosamente. A mio avviso, ogni libro ha una storia: questa non risiede nel solo testo, ma nell’esperienza del lettore, nei suoi appunti, nelle frasi sottolineate, nei ricordi che restano indelebili sulla carta. Gli eBook, di cui io stessa sono in possesso, sono nati per rendere più semplice e agevole la lettura e non nego che consentano di comprare a prezzi sicuramente inferiori rispetto a quelli dei volumi cartacei; nonostante questo sostengo che il piacere della lettura sia dato perlopiù dalla sua forma tradizionale, quella che conosciamo meglio. Per questo uso raramente il mio eBook e continuo a comprare in libreria con la speranza di crearne con il tempo una piccola, ma personale. Mi auguro che nonostante il tempo e le nuove tecnologie non si dimentichi comunque il valore della tradizione e dei ricordi che essa custodisce.

0
Commenti
  1. ricanews 5 anni ago

    Articolo scritto bene e in modo semplice e piacevole. Bella l’introduzione con la tua esperienza personale che esprime tutto quanto i libri di carta possano trasmettere. Solo con un testo cartaceo

  2. mohamed2014 5 anni ago

    Bella foto ,suscita grandi emozioni sul lettore ,a mio avviso perch

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2020 osservatorionline.it

Effettua il login

o    

Hai dimenticato i tuoi dati?

Crea Account