Una tra le più grandi sfide tra la tecnologia e il “passato” a cui stiamo assistendo oggi è certamente quella dei libri. Si ha costantemente a che fare con libri, che siano essi di studio o di intrattenimento; ma ciò che sta cambiando è il loro stato fisico. Si sta passando dal libro di carta, con la copertina e le pagine da poter toccare con mano, a quello “intoccabile”: l’ebook, il libro digitale.
Da alcuni anni ormai i libri vengono venduti sempre di più in forma digitale, che consente di risparmiare peso e volume rispetto a quelli cartacei.
Apparentemente può sembrare minima la differenza tra i due tipi di libri, perché in fondo il contenuto di un libro digitale è lo stesso del rispettivo cartaceo.
Ma, a mio parere, le differenze tra le due modalità di lettura si avvertono.
Probabilmente sarà molto più vantaggioso possedere libri in formato digitale, perché basta possedere un qualsiasi dispositivo digitale per poterli acquistare, in quanto ognuno ha una propria libreria multimediale. Si possono portare molti libri con sé; e questo è sicuramente un gran vantaggio.
Ma è nel leggere che si trova la differenza maggiore. Sfogliare un libro di carta provoca un qualcosa di diverso rispetto al semplice movimento del dito sul dispositivo.
Personalmente ritengo che leggere da un qualsiasi libro di carta sia più piacevole di quello digitale, anche per il semplice tocco delle pagine o la bellezza di poter “vivere” quel libro, sfogliandolo, segnandolo, scrivendo delle note o dei pensieri. Questo, ad esempio, risulta più complesso su un qualsiasi ebook, perché non tutti consentono di apportare modifiche al testo stesso.
Molti la pensano come me, ed è per questo che il libro è l’ elemento che forse, rispetto agli altri, è stato reso meno tecnologico. Sicuramente nel corso degli anni le vendite dei libri digitali si innalzeranno per varie ragioni, ma non credo che il libro di carta possa essere definitivamente messo da parte.
Poter portare con sé molti libri risparmiando spazio è sicuramente molto utile, ma tornare a casa e vedere la propria libreria provoca certamente sensazioni più piacevoli di quelle di uno schermo.

0
1 Comment
  1. ricanews 4 anni ago

    Anche io penso che la vendita dei libri multimediali aumenter

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2019 osservatorionline.it

Effettua il login

o    

Hai dimenticato i tuoi dati?

Crea Account